La TOP 5 dell’inglese Freddie Dickson

5 domande, proposte ad artisti o addetti ai lavori. 5 suggerimenti che ci portano a scoprire le location preferite da giornalisti o artisti del panorama internazionale. UNA TOP FIVE per passare il tempo a suon di musica

————————————————————————————————————————————-

In attesa dell’uscita del suo ultimo lavoro dal titolo   Speculate EP” (in commercio dal 13 Aprile 2015) l’artista britannico Freddie Dickson si è prestato a rispondere alle nostre 5 domande.

Londinese, per l’approccio musicale ci ricorda vagamente altri gruppi pop britannici come U2 e Coldplay, ma la stampa ha già ‘etichettato’ il suo sound come  “doom pop” mentre la nota Columbia Records non si è fatta sfuggire l’opportunità di produrre il  precedente “News EP”.  Freddie è stato spesso accostato anche a Lana Del Rey per l’espressività e l’intensità delle sue composizioni

Freddie Dickson in studio

Freddie Dickson in studio

La musica di Dickson è influenzata da generi diversi: beat hip hop, pop, musica country,  R&B degli anni ’60 e“Speculate EP”  è stato registrato insieme alla band The Guard.

“Il nuovo EP parla di celebrità e di tutti i problemi ad connessi, privacy, relazioni che finiscono, indipendenza, ossessioni…” mentre nelle sue risposte sulle location rock Freddie focalizza l’attenzione sul meglio che la sua terra natale possa offrire

www.freddiedickson.com

 

Il miglior festival musicale internazionale e il miglior live club

Glastonbury Festival

Glastonbury Festival

Penso che il miglior festival inglese a cui abbia mai partecipato sia il Glastonbury Festival, per la grande quantità e varietà di artisti presenti. Mi piace anche il fatto, che quando sei là, è impossibile vedere tutto, dal momento che è vastissimo.  Ma questa è certo una buona scusa per farci ritorno! Fuori dal Regno Unito, devo dire Benicassim Festival (Spagna) Ci ho visto Amy Winehouse che fu incredibile.

—————————————————————————–

Chi non ha mai sentito parlare del Glastonbury Festival? si svolge regolarmente ogni anno nell’ultimo week-end di giugno e dura 3 giorni. Ci hanno suonato tutti, ma proprio tutti i gruppi rock più importanti

 Il Benicassim si svolge ogni anno a luglio, ed è uno dei più importanti festival internazionali di musica indie

 

Un negozio di dischi imperdibile?

dischi

mercatino dell’usato e alcuni dischi, foto di Gloria

Non posso suggerire un negozio in particolare, visto che mi piace rovistare nei mercatini dell’usato per trovare ed acquistare musica, che non mi sarebbe mai saltato in mente di comprare

Musica e cibo. Dove ci inviteresti? (per assaporare questo connubbio) 

Il Rodhouse di Londra

Il Rodhouse di Londra

Intendi un posto dove ci trovi entrambe le cose?!? Ti direi di farti un onesto hamburger per cena e poi dritti al Roundhouse che è il mio locale preferito a Londra.

————————————

 Rodhouse

American-style retrò diner con musica dal vivo

Jubiliee Market – The Piazza- Covent Garden, WC2E 8BE

Londra

Aperto tutti i giorni : Lun-ven     17:30-20:00

                                       Sabato         17:30-19:30

                                      Domenica    18:30-08:00

Tel 0207 240 6001

 

Musical Tour: luoghi e tappe consigliate?

Il palco dello Sheperd's Bush Empire

Il palco dello Sheperd’s Bush Empire

Direi che lo Sheperd’s Bush Empire è sempre un bel posto dove vedersi un concerto. Mi piace molto anche il Ain’t nothing but the blues bar, nel centro di Londra.

————————————————————————————

Sheperd’s Bush Empire

 Si trova quartiere di Hammersmith, ad ovest del centro di Londra.

Shepherd’s Bush Green, Londra

Telefono: +44 20 8354 3300

—————————————————————————————

Ain’t nothing but the blues bar

20 Kingly street a Soho (Londra)

Locale in cui si suona solo blues in tutte le sue declinazioni

Aperto tutte le sere e il sabato e la domenica entrata libera sino alle ore 20.30

 

 

La colonna sonora ideale per il tuo viaggio?

“Harvest” di Neil Young

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adoro cucinare ascoltando John Coltrane, colleziono cappelli e ho un debole per la decade degli anni Sessanta e Settanta, a cui mi ispiro nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, mi dedico alla musica e alla scrittura da diversi anni. La mia valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On