Una colonna sonora per l’Isola di Wight

TAPPE: Shanklin, Alum Bay, Needles

NELL’ I -POD: Mumford&Sons “Sigh no More”

_________________________________________________________________________________________

Ogni viaggio necessita di una colonna sonora, che vi possa accompagnare a suon di musica, alla scoperte di tappe indimenticabili. Se siete amanti della cultura inglese, non vi sarà difficile scovare un album dei celebratissimi Mumford&Sons nel vostro tour all’Isola di Wight.

Il gruppo si è infatti formato nel dicembre 2007 a Londra (UK) e la loro provenienza ‘geografica’ è ben percepibile nel loro sound. Voce, chitarra resofonica, mandolino, banjo e contrabbasso caratterizzano il loro folk rock, semplice ma diretto.

Mumford-Sons-cover

Ho trovato Sigh No More (loro 1 album del 2009) in un mercatino dell’usato in un caratteristico villaggio, famoso per i suoi cottage dal tetto in paglia e una storica ‘room tea’: Shanklin.

Ecco i tetti in paglia, foto di annovi

Ecco i tetti in paglia, foto di annovi

Se avete progettato di percorrere la costa dell’Isola in lungo e in laro, questo album è consigliatissimo!

L'sola, foto di Annovi

L’sola, foto di Annovi

Uno scorcio dell'Isola, foto di annovi

Uno scorcio dell’Isola, foto di annovi

Per sole 2$ mi sono aggiudicata una colonna sonora azzeccatissima. L’album si apre con la dolce e lenta ballata ‘Sign no More’, che da  nome all’album; ascoltandola pare che i quattro ci  inducano a percorrere un intenso viaggio con loro, tra le scogliere ventose della Gran Bretagna.

A tratti affiorano nell’album persino il rumore delle onde del mare e dei suoi gabbiani. ‘Sign no More’ ti ‘prende’, grazie  ai suoi veloci giri di banjo, come l’Isola, che si mostra km dopo km sempre più affascinante.

E’ il turno di “After the Storm” ed eccovi quasi giunti alla scogliere di Alum Bay, lungo la costa sud-est dell’isola e poi dritti verso un’altra meta, sull’estremità occidentale ci sono i famosi faraglioni gessosi, i Needles. Vicino per i vostri piccoli c’è anche un parco dei divertimenti, con zona relax e punti gastronomici. se avete voglia di camminare la zona merita una lunga passeggiata all’aria aperta verso il mare.

Verso alum bay, foto di Annovi

Verso alum bay, foto di Annovi

I Needles dell'Isola, foto di Annovi

I Needles dell’Isola, foto di Annovi

Avrete così l’opportunità di godere di un panorama che toglie il fiato, mentre un vento freddo vi accarezza il viso. L’Isola di Wight è amatissima da chi pratica trekking, pensate che esiste anche un festival dedicato all’escursionismi. Cade a maggio il pluripremiato Pestival che permettere di raggiungere a piedi, in gruppo, tappe turistiche o meno battute dell’Isola. 300 percorsi diversi e 500 miglia da percorrere con tanto di borraccia alla mano (e i-pod nelle orecchie).

Foto di Gloria Annovi

Foto di Gloria Annovi

Uno di questi percorsi costeggia proprio Alum -Bay, è il popolarissimo Tennyson Trail, così chiamato in onore del poeta laureato Lord Alfred Tennyson, che amava percorrere la scogliera che da Freshwater Bay arriva fino ad Alum Bay, lungo la costa sud-est dell’isola.

Buon viaggio amici rocker…

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adoro cucinare ascoltando John Coltrane, colleziono cappelli e ho un debole per la decade degli anni Sessanta e Settanta, a cui mi ispiro nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, mi dedico alla musica e alla scrittura da diversi anni. La mia valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On