FRONTIERS FESTIVAL: 3 giorni di AOR Rock Music

Pinterest

Tesla, Stryper e Night Ranger. Questi nomi vi fanno girare la testa? 

Allora siete nel posto giusto al momento giusto… al Frontiers Rock Festival dove,  per la prima edizione 2014, a questi artisti si sono uniti anche Danger Danger, Jeff Scott Soto e tantissimi side-project che fanno parte della scena AOR-Rock mondiale. Una tre giorni all’insegna del Rock ‘n’ roll organizzata dalla Frontiers Records, etichetta partenopea specializzata in Hard Rock e AOR, che ha deciso di allestire questo evento facendo suonare le band della propria scuderia. Il risultato è a dir poco strabiliante, sia in termini di pubblico, che a livello musicale proposto. Moltissimi gli appassionati che accorrono, molti dei quali stranieri.

Il biglietto in abbonamento per 3 giorni costa circa 160 EUR, ma c’è possibilità di acquistare anche il biglietto giornaliero al prezzo di EUR 52 o addirittura il VIP Ticket, che dà accesso ad un’area riservata backstage e che include albergo e cene (comprese quelle con gli artisti). Qualunque sia il tipo di biglietto acquistato, viene fornito un braccialetto con cui si può entrare ed uscire a piacimento.

Foto di Monica Manghi

Foto di Monica Manghi

La location per il primo anno (2014) è stata il Live Club di Trezzo d’Adda (fra Milano e Bergamo), locale perfetto per accessibilità e impianto audio. È facilmente raggiungibile perché si trova vicino all’uscita del casello autostradale, e dispone di un ampio parcheggio in cui poter lasciare l’auto. All’interno del locale c’è un bar, mentre nel cortile interno è stato allestito un punto ristoro nei pressi della zona fumatori

frontiers-rock-festival-2014-570x794

Qui si possono gustare hamburger, hot-dog o anche solo una birra fresca, magari scambiando due chiacchiere con gli altri appassionati accorsi all’evento o, ancora meglio, con qualche musicista delle band che ha voglia di un bagno di folla. Con un po’ di fortuna si può anche incontrare qualche artista per foto ed autografo. L’altra faccia della medaglia è che il cibo qui, è un po’ costoso. L’alternativa è prendersi qualcosa “al sacco” prima di arrivare al locale, in uno dei tanti supermercati che ci sono lì intorno e, magari, mangiarlo fuori dal locale seduti in una delle panchine nel piazzale adiacente all’ingresso.

Foto di Monica Manghi

Foto di Monica Manghi

La sistemazione per la notte è piuttosto comoda, vista la zona molto industrializzata ci sono molti alberghi di categoria turistica nei paesi intorno a Trezzo, a soli 10 -12 km di distanza. Se invece volete trattarvi bene, il Devero Hotel – Centro Congressi 4 stelle executive offre camera doppia e colazione intorno ai 100EUR la stanza (circa 40-50 EUR a testa). Il buffet la mattina è qualcosa di spettacolare ed inoltre l’albergo mette a disposizione (a pagamento) servizi di WI-FI palestra e centro benessere.

Foto di Monica Manghi

Foto di Monica Manghi

L’organizzazione dei concerti è stata magistrale il primo anno: inizio live set nel pomeriggio, intorno alle ore 15.00, per proseguire fino alle 23.30 circa. Il tempo a disposizione per ogni gruppo andava dai 35 minuti fino all’ora e mezza per gli headliner (Tesla, Stryper e Night Ranger).

Foto di Monica Manghi

Foto di Monica Manghi

Diverse le band emergenti che hanno proposto bella musica e che un giorno, si spera, prenderanno il testimone dei veterani. Dagli State of Salazar ai Crazy Lixx, dai Three Lions agli W.E.T capinatati da Jeff Scott Soto fino all’inossidabile John Waite (Bad English).

Foto di Monica Manghi

Foto di Monica Manghi

Una bellissima festa per tutti gli appassionati di rock melodico ma soprattutto di buona musica, di cui è possibile acquistare la compilation ufficiale on line. Tre giorni ad altissimo livello, che si spera la Frontiers organizzi ogni anno e che questo festival… sia il primo di una lunga serie!

Per maggiori info visita il link

www.frontiersrockfestival.com/homepage/

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Author: Monica Manghi

Ama la musica, sopratutto il rock, ma la cosa che la emoziona di più in assoluto è assistere ad un'esibizione di un'orchestra dal vivo. Adora il teatro in tutte le sue forme, la lettura e viaggiare: la sua meta preferita? Londra e la Gran Bretagna. Collaboratrice di Rock Rebel Magazine, si occupa di recensioni e interviste.

Share This Post On
468 ad
Email
Print