La Top5 di Veronica Sbergia

5 domande, proposte ad artisti o addetti ai lavori. 5 suggerimenti che ci portano a scoprire le location preferite da giornalisti o artisti del panorama internazionale. UNA TOP FIVE per passare il tempo a suon di musica

____________________________________________________________________________

Abbiamo avuto la fortuna di averli come ospiti e protagonisti ad uno dei nostri eventi. Persone squisite e musicisti strepitosi, i Veronica & The Red Wine Serenaders sono la band di Veronica Sbergia, cantante, washboard player e ukulelista. Ogni loro concerto è un vero e proprio viaggio nell’America più rurale del blues, alla ricerca delle radici della musica nera. L’estrema duttilità della voce di Veronica l’ha portata in passato a esplorare diversi generi musicali ( dal pop al folk passando per il soul, il funk e il jazz)  ma e’ nel blues che trova la sua dimensione ideale.

Luca Prospero

Luca Prospero

Nel 2007 il sodalizio musicale con il chitarrista Max De Bernardi e nello stesso anno il primo album insieme. Ma è nel 2009 che nasce il progetto “Veronica & The Red Wine Serenaders”, dove il repertorio si arricchisce e evolve, passando dal country blues al ragtime, dall’ hokum alla jug band music e a tutta la musica popolar-rurale degli anni ’20 e ’30: quella suonata nei Medicine Shows, carovane itineranti e stradaiole che possiamo considerare antesignane del Vaudeville.

Lei e i suoi musicisti hanno talmente conosciuto e approfondito questa cultura musicale, da esserne diventati come parte integrante. Non crederesti mai di trovarti davanti a musicisti italiani e i loro live sono dei veri e propri show, caratterizzati da strumenti tradizionali e abbigliamento dal piglio retrò. Se amate questo genere apprezerete anche i consigli di viaggio di questa grande musicista, che con i suoi Red Wine Serenaders ha partecipato ad importanti Festival Internazionali in tutto il mondo: Notodden Blues Festival, Lucerne Blues Festival, Cognac Blues Passion, The Big Wheel Festival on the Isle of Man (UK)…. Pensate che e’ stata la prima e unica artista italiana ad essere invitata al prestigioso “Mustique Blues Festival” mentre nel 2013  vince il prestigioso European Blues Challenge a Tosola. Veronica Sbergia è attualmente in tour per la promozione dell’ultimo album: THE MEXICAN DRESS.

Ecco la sua TOP5 di viaggio!

 

 

Il miglior festival a livello internazionale e il miglior live club?


Per quanto riguarda il miglior Festival Internazionale a cui abbiamo avuto l’onore di partecipare, vi dico senza dubbio, del Notodden Blues Festival (nel 2013). In cartellone nomi come Van Morrison, Tedeschi & Tracks Band, Eric Burdon e ancora John Mayall, Dana Fuchs, Royal Southern Brotherhood e potrei continuare ancora…per non parlare dell’organizzazione, davvero impeccabile.
In merito al Club invece la scelta e’ piu’ difficile e“numerosa”…in Europa abbiamo suonato a Parigi al Sunset, a Londra al Blues Kitchen, a Vienna al WUK per l’Americana Roots Festival…ce ne sono davvero molti!

———————————————-

Notodden Blues Festival : Si tratta di uno dei più importante festival blues della Scandinavia a cui partecipano migliaia di appassionati, si tiene ogni anno nel Telemark, Norvegia del sud tra fine luglio e primi di agosto. Tra gli ospiti illustri anche ZZ Top o Jack Bruce

—————————————————

Sunset di Parigi: 60 Rue des Lombards, Parigi. Qui si può ascoltare anche ottimo Jazz e cenare, aperto dalle 17 alle 2 di notte. Concerti a partire da 10 €

Blues Kitchen di Londra: si tratta di un risto-bar sito in Camden al civico 111. Ha una ‘succursale’ anche nel quartiere di Shoeditch e anche qui alla musica si abbina cibo sfizioso. aperto dalle 12 a notte fonda!

WUK di Vienna: Si trova al n. 59 di Währinger Str. ed è un locale piuttosto famoso che un tempo era una ex fabbrica di locomotive

 

 

Un negozio di dischi imperdibile?

Ma quanto sei grande Amoeba??

Ma quanto sei grande Amoeba??

Amoeba Music a Los Angeles…definitivo! (leggi la recensione ai negozi di Los Angeles e S.Francisco)

————————————————————-

AMOEBA MUSIC
SF: 1855 Haight Street, San Francisco
LA: 400 Sunset Blvd., Los Angeles
BK: 2455 Telegraph Ave, Berkeley
Orario d’apertura: dal lunedi al sabato 10:30 – 22.00 e la domenica 11:00 -21:00
Visitate il sito per i vostri acquisti on line

Music & food: dove ci inviteresti? (per assaporare questo connubio)

31285682

foto di aff.bstatic.com

Al Tagliere di Nese, in provincia di Bergamo. E’ il ristorante di un caro amico, Pietro. Ama il buon cibo e l’ottima musica, che propone regolarmente tra le sue mura…meglio di cosi’!

—————————————————–

Ristorante Tagliere di  Nese

Via Marconi, 69, alzano Lombardo (BG)

Tel.: 035/4286896
info@altaglieredinese.com

Musical tour: luoghi e tappe consigliati?

Uno scorcio della Route 66

Uno scorcio della Route 66

Recentemente abbiamo viaggiato molto negli States e, a rischio di sembrare scontata, la mia scelta va alla classica Route 66 ( non ho ancora visitato New Orleans, cosa che spero di fare presto). E’ il bello di viaggiare negli Stati Uniti, assaporarne i panorami che abbiamo visto mille volte nei film, come perdersi nel deserto e godersi un tramonto rossissimo nel mezzo di un Canyon millenario. Non perdetevi questo viaggio…

La colonna sonora ideale per il tuo viaggio?


Anche qui scontatissima: Running on Empty di Jackson Browne! Mani sul volante…e via…

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adoro cucinare ascoltando John Coltrane, colleziono cappelli e ho un debole per la decade degli anni Sessanta e Settanta, a cui mi ispiro nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, mi dedico alla musica e alla scrittura da diversi anni. La mia valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.