Glastonbury: non solo un festival rock!

Glastonbury ha qualcosa di magico. Sembra scontato dirlo, ma è la pura verità. Te ne accorgi mentre guidi inconsapevolmente in modo circolare per la sua campagna, in cerca di un benzinaio, mentre le lancette del contaKm vanno in tilt e il navigatore ti porta continuamente fuori strada. Glastonbury ti mette alla prova, soprattutto se credi alle leggende celtiche.

Questa cittadina del Somerset è famosa per essere una meta spirituale, oltre che la città che ha dato i natali ad una delle kermesse musicali più famose del pianeta, il Glastonbury Festival

A metà giugno la quiete della sua verdissima campagna è disturbata dall’arrivo in città di giovani rockettari, che giungono per il festival alla guida di furgoncini Volkswagen. La città è presa d’assalto: ristoranti, negozi, pub… Nelle ore in cui il festival non offre concerti i giovani si spostano in città,  per riposare o passare qualche ora, svagandosi a visitare le bellezze che offre Glastonbury

Ph di digitalspy.co.uk

Ph di digitalspy.co.uk

Tra queste ci sono anche i resti della suggestiva Cattedrale e la sorgente di acqua rossa con propietà curative e benefiche (per i credenti) Senza dimenticare una passeggiata sino alla centenaria Glastonbury Tor, torre nota ai conoscitori delle tradizioni celtiche.

Se avete in programma una vacanza da queste parti, o di prenderete parte al festival, queste sono alcune delle tappe più affascinanti e questi i festival a cui consigliamo di prendere parte: oltre all’enorme Glastonbury Festival (che si tiene nel verde di una fattoria a cinque Km di distanza dalla cittadina, a Pilton), segnaliamo anche il Fringe Festival che si svolge a metà giugno in città con musica, esibizioni di arte e mercatini. Infine, se è per un aspetto spirituale che Glastonbury vi attrae, venite al favoloso Goddess Conference, che si tiene ogni anno alla fine di Luglio con conferenze e musica.

LA CATTEDRALE

Marco tra i resti della Cattedrale Glastonbury

Marco tra i resti della Cattedrale Glastonbury

Secondo un’antica leggenda, Giuseppe di Arimatea nel 37 d.c. portò a Glastonbury il sacro Graal e costruì la chiesa su cui poi sorse l’abbazia. In verità questa fu fondato nel 712 dal re sassone Ine del Wessex e ricostruita dai Benedettini dopo un incendio (1184) tra il XIII e l’inizio del XV secolo

Col tempo la città divenne punto di riferimento del Cristianesimo in Inghilterra e, sempre secondo la leggenda, si dice che persino Gesù Cristo giunse a piedi sino a Glastonbury, entrando in contatto con la scuola druidica. Misticismo e paganesimo si mischiano intorno alla figura della sua Cattedrale, dove, si dice siano ancora visibili la tomba di Re Artù e Ginevra.

Attuale luogo di pellegrinaggio questo complesso monastico medioevale si può visitare spendendo £ 7 e, se siete fortunati, potrete assistere anche ad eventi che vengono organizzati proprio nel verde dell’abbazia, come concerti, feste o improvvisazioni teatrali

Glastonbury Abbey

Magdalene Street | Somerset, Glastonbury BA6 9EL, Inghilterra

+44 1458 832267

 

IL FESTIVAL

Glastonbury Festival

Glastonbury Festival

Eserciti di giovani nostalgici della cultura hippy attraversano a giugno la centralissima High Street (Glastonbury)  con zaini in spalla o stivali di gomma (wellies) colorati  ai piedi. Sono parte del pubblico che prende parte ogni anno al famoso festival di musica rock, il Glastonbury Festival.

Se siete interessati anche voi all’evento informatevi per tempo, perchè i biglietti sono già sold out a Natale, ancor prima di conoscere la line up della nuova edizione. Questo perchè il Glastonbury Festival è sempre una certezza, visto che gli artisti che hanno calcato il suo palco sono del calibro di: U2, Bruce Springsteen, Coldplay, Morrisey, Rolling Stones, Elvis Costello, Dolly Parton o Sigur Ros

La sua prima edizione risale al 1970 e ogni anno più di 300 spettacoli si dividono su 10 stage: una vera città del rock quella che nasce per l’occasione nel verde di una fattoria a 5 Km di distanza dal paese. Potete soggiornare a Glastonbury oppure optare per la zona campeggio, munita di punti ristoro, tenda cinema o zona shopping

Tutte le info per il Glastonbury Festival

 

HIGH STREET

negozi su High Street

negozi su High Street

La via principale della cittadina (High Street) è invece ricca di negozietti caratteristici, dedicati a magia, olismo o pietre dalle propietà benefiche. Non mancano quelli di abiti vintage ( in voga l’hippy style) e accessori, ma vi anticipo…. che chiudono sempre prestissimo. Troverete anche studi di yoga e pratiche meditative. A pochi passi anche il Chalice Well Garden con le sue acque freschissime dai poteri curativi. Ma per portare a casa un souvenir tipico serve passare dal negozio di Star Child, il produttore d’incensi più famoso di tutta l’Inghilterra (e non solo)

Per noi rocker, infine, è d’obbligo una pausa al Blu Note Cafè, proprio vicino a Starchild! La scelta del vostro spuntivo varierà da piatti vegetariani squisiti, dolci tipici inglesi, bevande fresche o tè caldo inglese. Ma Glastonbury è molto di più…

the bluenote-cafe

the bluenote-cafe

Star Child (Glastonbury) Ltd

The Courtyard 2-4 High Street (Glastonbury)

+44 (0)1458 834 777

___________________________________

Blue Note

4A High St, Glastonbury BA6 9DU
+44 1458 832907

 

A PIEDI SINO ALLA TOR

La magica Tor da lontano

La magica Tor da lontano

Il nostro ultimo consiglio è quello di salire sino alla magica TOR: dall’alto si intravvedono le bandiere colorate del rock festival che si estende per circa 1000 acri (405 ettari circa)!

eccola...

eccola…

Dal centro città serve meno di mezz’ora per salire (non ci sono parcheggi vicini se non quelli del centro città). D’estate i colori della campagna sono intensi ma il vento è sempre forte. Sembra che soffi per impedire ai turisti di restare a lungo sopra a questa collina che domina sul mondo…

la vista dalla TOR

la vista dalla TOR

Anche qui, come a Stonehenge, corvi neri volano sopra alle nostre teste. La Torre di San Michele (chiamata così), propietà della National Trust, risale al periodo del Medioevo ed è legata a leggende su fate, Re Artù e avvistamenti UFO. Alcuni pensano che sia una porta per entrare nel regno di Avalo e che qui, da quanlche parte ben nascosto nei suoi mille cunicoli sotterranei, giacia il Santo Graal

Eccoci sulla cima della TOR

Eccoci sulla cima della TOR

Noi non abbiamo scorto cerchi nel grano ma abbiamo riscoperto il fascino del silenzio. Glastonbury vale molto più del suo Festival

 

Glastonbury Tor

off Wellhouse Lane, Glastonbury

________________________________

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adoro cucinare ascoltando John Coltrane, colleziono cappelli e ho un debole per la decade degli anni Sessanta e Settanta, a cui mi ispiro nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, mi dedico alla musica e alla scrittura da diversi anni. La mia valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On