LA Top 5 dei Dieciunitàsonanti

Roma, da sempre città di riferimento per la buona musica cantautorale italiana, ha visto crescere anche la band de ‘Dieciunitàsonanti’. Hanno da poco presentato il loro ultimo lavoro ‘Dove’ sulle frequenze di RadioRai2 ma tutto parte realmente nel 2008, quando vengono segnalati dal portale Kataweb tra le prime 10 realtà indipendenti più interessanti del momento nel concorso per il MEI 2008. Nel 2009 suonano all’Auditorium Parco della Musica di Roma per la serata conclusiva della seconda edizione di Avvertenze Generali; sono tra gli ospiti principali della rassegna Generazione X 2011, che li vede duettare con Samuele Bersani sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Nel loro ultimo lavoro c’è anche la collaborazione con il bravissimo Paolo Benvegnù, e si sente.

Siamo felici di presentarvi la Top5 di questo interessante quartetto rock! Seguiteli per le vie della capitale

Chi sono i Dieciunitàsonanti?

390865_10150514249449864_679232193_n

“DOVE” è il secondo album delle Dieciunitàsonanti, la scrittura e lo stile della band romana in equilibrio tra indie e pop, confermano quanto di buono dimostrato sul fronte delle liriche, che trovano finalmente compimento in un suono ricco e maturo.

“Dove” è il luogo in cui ti vorresti trovare, quello in cui ti trovi tuo malgrado, quello che dopo tanto tempo – forse – finalmente riesci a raggiungere.

“Dove” (Modern Life, distribuzione Audioglobe), secondo album delle DIECIUNITÀSONANTI, vede la produzione artistica di Luca Novelli (Mokadelic) e la collaborazione alla produzione e alle voci di Paolo Benvegnù, grazie ai quali il suono e la scrittura della band romana conferma uno stile personale in equilibrio tra indie e pop confermando quanto di buono dimostrato sul fronte delle liriche e trovando finalmente compimento in un suono più ricco e maturo.

Il gruppo ha all’attivo il disco “Manuale d’ascesa e caduta” (Modern Life, distribuzione Audioglobe) e un’infinità di EP (“La cura migliore”, Autoprodotto 2005), singoli, compilation.

Anni e anni di concerti su e giù per lo stivale hanno permesso alla band di dare un senso pieno a luoghi comuni come fare la gavetta” o “live coinvolgente”. Nell’estate del 2008, dopo aver vinto le selezioni regionali del Lazio, suonano nel prestigioso festival Italia Wave; sempre nel 2008, vengono segnalati dal portale Kataweb tra le prime 10 realtà indipendenti più interessanti del momento nel concorso per il MEI 2008. Nel 2009 suonano all’Auditorium Parco della Musica di Roma per la serata conclusiva della seconda edizione di Avvertenze Generali; il 2010 è l’anno di uscita di “Manuale d’ascesa e caduta”, presentato il 10 ottobre al Circolo degli Artisti di Roma; l’anno successivo sono tra gli ospiti principali della rassegna Generazione X 2011, che li vede duettare con Samuele Bersani sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Nel frattempo, concerti su concerti.

cristiano spadoni – batteria
alessandro santucci – chitarra
alessandro sfasciotti – voce, chitarra
valentino orciuolo – basso, synth

Il miglior festival a livello internazionale e il miglior live club?

Sonar, Barcellona

Sonar, Barcellona

Roma va in letargo l’inverno e, d’estate, esplode di rassegne coi grandi nomi internazionali… quindi ti ritrovi con mesi di scarsi eventi e poi, una manciata di settimane dopo, con ogni ben di Dio! Ad ogni modo tutti gli anni, a turno, progettiamo di andare al Sonar, a Barcellona. Prima o poi ce la faremo. Per quanto riguarda i live club, a parte i nomi noti, la mappa cittadina cambia di anno in anno, con posti che aprono e (molti) altri che chiudono o al massimo cambiano gestione o addirittura ragione sociale. Per quanto ci riguarda, il 7 maggio abbiamo presentato “Dove”, il nostro ultimo lavoro, a ‘Le Mura di San Lorenzo’ e ci siamo trovati davvero molto bene, sia come musicisti che come avventori.

Un negozio di dischi imperdibile?

Pienone @Discoteca Laziale

Pienone @Discoteca Laziale

La verità è  che di negozi di dischi ne frequentiamo sempre di meno. Diciamo che in quattro copriamo tutta la catena distributiva da “andiamo al negozietto sotto casa” fino a “compro solo in digitale”, passando per “compro la copia fisica su internet e me la faccio spedire a casa”. Dovendo dirne uno però ti diciamo Discoteca Laziale, tra la stazione Termini e Piazza Vittorio. Forse non corrisponde al ritratto della piccola bottega romantica dove trovi il vinile impolverat,o ma resiste dignitosissimamente alla crisi del settore, con personale qualificato che ti sa seguire con competenza: è molto fornito e offre sempre offerte gustose. Particolare che soprattutto in anni giovanili ha fatto la differenza tra avere o non avere “The queen is dead” degli Smiths, ad esempio.

Discoteca Laziale
Indirizzo: Via Mamiani, 62, Roma
Telefono:06 447141

www.discotecalaziale.com

Music & food: dove ci portate? 

Trastevere

Trastevere

Siamo clienti molto esigenti e voraci, sia che si parli di musica che di cibo. Trovare un posto dove si possa ascoltare buona musica e allo stesso tempo gustare buon cibo, quindi, può diventare davvero arduo. Per questo se dovessimo consigliare un turista appeno arrivato in città non avremmo dubbi, lo indirizzeremmo verso una qualsiasi delle trattorie che fanno tipica cucina romana, possibilmente in zona Trastevere o Testaccio, le poche zone rimaste in città dove ti puoi sedere per mangiare la cucina del giorno e ascoltare qualche posteggiatore che passa con la sua vecchia chitarra più o meno scordata, la voce roca e pacchi e pacchi di mestiere su come tenere l’attenzione di un pubblico. Mi raccomando: evitate i posti da cartolina, con classica tovaglia a quadretti e romanismo ostentato, perfette trappole mangiaturisti.

Musical tour: luoghi e tappe consigliati?

Zona Laurentino

Zona Laurentino

Roma si è sempre infilata nelle nostre canzoni, che volessimo o no. I luoghi che consigliamo sono necessariamente quelli che ci hanno ispirato, quelli che secondo noi racchiudono alla perfezione le due anime di questa città. Non per evocare una poetica di strada a tutti i cost,i ma basta anche solamente passare per quartieri come Colli Aniene o Laurentino 38, per capire quanto Roma possa essere dura e difficile da vivere.

Veduta dal Pincio

Veduta dal Pincio

Sembra impossibile che sia la stessa città che raggiunge il sublime con momenti come l’alba al Pincio o sul Gianicolo. Di nuovo, a dirlo sembra una poetica di maniera, ma vi consigliamo di vivere momenti del genere, capirete anche voi.

La colonna sonora ideale per il tuo viaggio?

http://www.youtube.com/watch?v=dVILU0-JCbg&feature=kp

Quando partiamo per andare a suonare da qualche parte e il viaggio prevede diverse centinaia di chilometri di automobile abbiamo una regola ferrea: chi è al volante decide cosa si ascolta. In questo modo trovano libero sfogo tutte le nostre anime. Ora come ora, ti potrebbe capitare di ascoltare gli ultimi di Kings of Leon, Paul McCartney,  Moderat o Elvis Costello coi Roots. L’ultima volta che siamo stati tutti d’accordo è stato per i Death Cab For Cutie, l’album era “Codes and Keys”.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adoro cucinare ascoltando John Coltrane, colleziono cappelli e ho un debole per la decade degli anni Sessanta e Settanta, a cui mi ispiro nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, mi dedico alla musica e alla scrittura da diversi anni. La mia valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On