L’Hotel preferito da Robert Plant

Pinterest

Credo di avervi già detto che tutta la zona desertica che circonda Joshua Tree non è prettamente mondana… Trovare un ristorante in cui cenare o un pub in cui ascoltare musica potrebbe risultare davvero molto difficile a Twentynine Palms (contea di San Bernardino), cittadina famosa per essere finita in un singolo dell’ex Led Zeppelin, Robert Plant.

Robert Plant

Robert Plant

Edificata alla fine del diciannovesimo secolo da alcuni cercatori d’oro, la città allora presentava una vegetazione non molto fitta: 29 palme che si alternavano ai meravigliosi alberi di Joshua e a cactus. Ecco a cosa si deve il suo nome.

29 palms

29 palms

Il cartello all'entrata della città

Il cartello all’entrata della città

Twentynine Palms è una delle località più vicine all’entrata del parco ed è perfetta per un pernottamento se non si arriva con tende o camper (si può campeggiare nel parco).

Foto di Gloria

Foto di Gloria

I Motel sono molti in città e uno di questi è il già citato Harmony, dove dormirono anche gli U2 a fine anni Ottanta. Amato dai musicisti della zona è anche il 29 Palms Inn, struttura munita di bungalow e camere da letto che offre anche un delizioso ristorantino, aperto a tutti.

29 Palms Inn

29 Palms Inn credit foto FB hotel

L’hotel si trova a ridosso dell’entrata del parco ed è davvero comodissimo, anche per chi si ferma una sola notta pronto a ripartire in direzione Nevada. Si dice che qui vi abbia soggiornato anche Robert Plant, durante uno dei suoi numerosi viaggi in California, terra che da sempre affascina il frontman dei Led Zeppelin. E ci posso credere, visto che è una delle strutture più vecchie presenti in città, aperta nel 1928. Le camere sono tutte munite di un bagno privato e, nel caso dei bungalow, anche di un giardino esterno dal quale guardare le stelle. La cena e la colazione vengono servite a bordo piscina, nel ristorante-bar che offre ogni sera anche musica live, davvero occasione rara in città.

L'interno di una camera

L’interno di una camera, credit foto sito hotel

In menù ci sono pasta, hamburger, pizza, omlette e piatti vegetariani fatti con prodotti del loro orto, che si trova immerso in una vera oasi naturalistica, come l’intera struttura. I prezzi sono medi e anche la qualità è sicuramente migliore di tanti diner o ristoranti testati in città. Una spesa media? 35 dollari per una cena e 7 per un drink.

Pranzo in piscina

Pranzo in piscina, credit foto sito hotel

L’ambiente è molto informale ed stimolante: i turisti possono rilassarsi tra il verde della sua oasi (con laghetto e orto), fare una lezione di yoga la mattina all’alba con un insegnante, partecipare a incontri, concerti o mercatini che vengono organizzati durante tutto l’anno.

29Palms Inn: è un buon rigugio per sentirsi protetti nel bel mezzo del deserto, che per definizione resta un luogo mistico, sconosciuto e affascinante. Nella canzone -scritta di ritorno da un tour in California- Plant parla di una storia d’amore, che si suppone (grazie a qualche indizio sparso nel testo), possa essere quella vissuta com la cantate Alannah Myles.

29Palms Inn, foto di Gloria

29Palms Inn, musica in piscina. foto di Gloria

A noi è piaciuto molto cenare a bordo piscina, sotto un cielo stellato, ascoltando musica folk e blues. Ovvimante in scaletta non è mancato nemmeno il romantico singolo di Plant, che personalmente ho trovato insuperabile nel suo disco Raising Sand (anche se erano covr)! Bello anche l’ultimo Lullaby and The Ceaseless Roar (2014) che solo per il singolo Rainbow merita l’acquisto. Una delle canzoni che adoro ascoltare in auto, mentre guido di sera nel deserto….

——————————————–

29 Palms Inn

73950 Inn Avenue, Twentynine Palms, CA

e-mail theoasis@29palms.com

Sito www.29palmsinn.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. Non vivrebbe senza il suono della pedal steel guitar e vorrebbe vivere a Nashville (USA), con il suo compagno. Seguimi in questa mia nuova avventura! ______________________________________________________________________ Hi, I'm Gloria and I'm a journalist. I love cooking with the sound of John Coltrane. I’m collect hats, I love the style of the 60s and 70s and I have a special passion for vintage clothing. I’ve been a DJ since 2003, working in different radio stations in my country and as a freelance. I could never live without the pedal steel sound and I dream of living in Nashville (TN) with my boyfriend Marco. My last web project is the site www.remark-re.it, a virtual guide of my city, Reggio Emilia (IT). Follow my new musical adventures on Musicpostcards.it

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print