L’Hotel preferito da Robert Plant

Pinterest

A Joshua Tree   ti sembra di toccarle le stelle del cielo. Sono come una cascata di lucciole, che brillano a intermittenza, nel bel mezzo del nulla. Il silenzio di questa terra desertica è meraviglioso, soprattutto se si arriva dalla caotica Los Angeles.  Qui, uno dei pochi avamposti in cui trovare musica live e un buon pasto caldo si chiama 29 Palms Inn, struttura aperta nel lontano 1928, che tra i clienti annovera anche  l’ex Led Zeppelin, Robert Plant.

Robert Plant

Robert Plant

Si trova a Twentynine Palms, contea di San Bernardino, cittadina edificata alla fine del diciannovesimo secolo da alcuni cercatori d’oro, che gettarono le fondamenta intorno all’unica oasi verde presente in quella fetta di terra: 29 palme, che si alternavano allora a cactus e ad alberi di Joshua.

29 palms

29 palms

Il cartello all'entrata della città

Il cartello all’entrata della città

L’hotel è perfetto per i viaggiatori che non sono muniti di tende o camper, perchè offre due soluzioni di pernottamento: le più tradizionali camere o bungalow, che si affacciano sul giardino interno.

Foto di Gloria

Foto di Gloria

Ovviamente ci sono tanti altri motel in città, uno di questi è il già citato Harmony, dove dormirono gli U2 a fine anni Ottanta, durante le registrazioni di “Joshua Tree”, ma del 29 Palms Inn ci piace la vicinanza all’entrata del parco e poi, il suo delizioso ristorante, che offre piatti di carne e insalate.

29 Palms Inn

29 Palms Inn credit foto FB hotel

La cena e la colazione vengono servite a bordo piscina, in questo bar-ristorante che propone quasi ogni sera anche musica live. Una gioia per noi musicofili.

L'interno di una camera

L’interno di una camera, credit foto sito hotel

In menù trovate pasta, hamburger, pizza, omlette e piatti vegetariani fatti con prodotti bio, raccolti nell’orto dell’hotel, immerso in una vera oasi naturalistica. La spesa media per una cena si aggira sui 35 dollari, mentre i drink costano dai 5 ai 7 dollari. Immancabili anche i dolci e il gelato.

Pranzo in piscina

Pranzo in piscina, credit foto sito hotel

L’ambiente è molto informale e i turisti possono rilassarsi tra il verde della sua oasi o partecipare ad eventi organizzati dallo staff durante tutto l’anno. In calendario ci sono persino corsi di yoga all’alba e poi, concerti e mercatini gastronomici o vintage.

Il 29Palms Inn è un pò una sorta di rifugio mistico e io ho fantasticato su questo luogo durante il mio soggiorno. Mi sono chiesta se Plant abbia mai abbia passato una notte d’amore qui, con la cantate Alannah Myles, a cui si ipotizza possa essere stata dedicata la canzone sopra citata. Nel testo, scritto da Plant di ritorno da un tour in California, il cantante racconta di un amore che lo rapisce a tal punto, da guidare nella notte per ritrovare il calore di baci, caldi come il sole del deserto.

29Palms Inn, foto di Gloria

29Palms Inn, musica in piscina. foto di Gloria

Ora sto romanzando, ma sono seria quando vi dico che al 29 Palms Inn si può cenare sotto alle stelle ascoltando musica folk e blues. Ovvimante qui tutti conoscono il testo del singolo di Plant e le cover dell’ex Led Zeppelin impazzano alle serate di musica live, ma fa tutto parte del folklore locale :)

Io sono innamorata del disco “Raising Sand” nato dalla collaborazione tra Robert Plant e Alison Krauss, sono cover, ma davvero rimaneggiate con classe. Pur essendo una fan dei Led apprezzo da sempre il percorso solista di Plant, che da anni unisce alla musica rock i suoni etnici dell’Oriente e dell’Africa. Non mi stupisce perciò apprendere, che anche il fascino mistico di questo deserto californiano abbia fatto breccia nel suo cuore. Come nel mio, del resto.

——————————————–

29 Palms Inn

73950 Inn Avenue, Twentynine Palms, CA

e-mail theoasis@29palms.com

Sito www.29palmsinn.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print