5 festival imperdibili per gli amanti del ballo

Pinterest

Quanti tipi di ballo conoscete e qual’è il vostro preferito? Noi impazziamo per quello liberatorio associato alla musica Rock’n’Roll, pur non essendo dei ballerini provetti :) L’estate ci regala comunque la possibilità di partecipare a grandi happening che celebrano il ballo nella sua forma più tradizionale e spettacolare. Eccone 5 europei talida non perdere

 Notte della Taranta (Giugno, Salento)

Notte della taranta foto di corriere.it

Notte della taranta foto di corriere.it

E’ davvero un evento imperdibile quello della notte della taranta che si svolge nel bellissimo Salento ogni agosto. Il festival, attivo dal 1998, è incentrato sulla valorizzazione della musica tradizionale salentina e alla sua fusione con altri linguaggi musicali, dalla world music al rock, dal jazz alla musica sinfonica. La formula del festival, che culmina nel Concertone finale nella piazza di Melpignano (LE),  è sempre la stessa: c’è un Maestro Concertatore, invitato a reinterpretare i “classici” della tradizione musicale locale con l’aiuto di grandi ospiti e orchestrali. Le città coinvolte nell’evento sono diverse le piazze della provincia di Lecce e della Grecia Salentina. Ingresso gratuito, si balla tutta notta tra la numerosissima folla per circa una settimana

Jamboree Festival (Luglio-Agosto a Senigallia)

Foto credit by La Repubblica

Foto credit by La Repubblica

Se vi piace il Rock’n’Roll non potete perdervi il Jamboree Festival, kermesse dal sapore vintage che si svolge ogni agosto nella cittadina di Senigallia (ve ne ho già parlato). La città è presa letteralmente d’assalto per un week-end da ballerini ingellati e da giovanissime che ballano sulla spiaggia con le loro gonne a ruota. I concerti si svolgono infatti già dal primo pomeriggio sotto forma di Dance Camp (rotonda a mare) e di fighissimi dj set che si alternano presso lo stabilimento Il Mascalzone (gratuiti). Io non so davvero come facciano a ballare la musica rockabilly sotto al sole cocente (che già di per se fa sudare), senza contare che di sera la festa continua nel centro città, nel cortile della Rocca Roveresca e del foro annonario. Eventi gratuiti  e a pagamento, sia per singoli che coppie. Consigliate scarpe comode e look anni Cinquanta

 

BALLI AI PIEDI DEI GRATTACIELI DI CHICAGO ( tutta estate)

Foto credit Chicagogenie.com

Foto credit Chicagogenie.com

Ogni anno Chicago viene contaminata dal folklore del Summer Dance Festival, un coinvolgente mix di musica e danze che dura tutta estate, presso Grant Park e Spirit of Music Garden. Orchestre di ogni genere intrattengono il pubblico in questa ampia zona verde della città, che arriva sino ai piedi del Lago Michigan. Immaginate il parco ricoperto da teli da pic-nic, stuoie, gente che balla ai piedi di altissimi grattacieli e musica che invoglia a ballare anche i più timidi e inesperti. Non c’è limite al divertimento e nemmeno all’età del pubblico! Eventi gratuiti e a pagamento

 

FLEADH NUA IRLANDA ( Irlanda a maggio)

<3 irlanda

Musica e danza sono complementari nella cultura irlandese e se avete in programma un tour nella terra di Bono Vox e Van Morrison, vi accorgerete che il primo posto in cui si balla in compagnia, davanti ad una birra, sono i pub. Anche in quelli più sperduti in aperta campagna. Nella caratteristica cittadina di Ennis a metà maggio, si svolge ogni anno il Fleadh Nua Festival, un’importante manifestazione dedicato alla musica tradizionale irlandese. Eventi per la maggior parte gratuiti, qualcuno a pagamento

 

MUSICA ELETTRONICA-SONAR (Giugno, Barcellona)

Ballare significa anche passare ore e ore sotto il sole cocente per assistere  a dj set e concerti di musica elettronica. Questo è il caso del  Sonar di Barcellona, festival internazionale dedicato appunto alla musica elettronica e all’ arte multimediale. Si tiene sempre a giugno presso il MACBA acronimo di “Museo de Arte Contemporáneo de Barcelona”, che in passato ha ospitato anche Duran Duran e Chemical Brothers. Se volete gustarvi il massimo che il festival può offrire è fondamentale crearsi una tabella di marcia, ritagliandosi almeno un paio di ‘break’  per riposare tra un concerto e l’altro. Evento a pagamento

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Email
Print