Riti pagani e musica rock a Stonehenge

Pinterest

Lo hanno desiderato forse tutte le band del pianeta… esibirsi nel luogo più magico e misterioso della terra: Stonehenge (3100 ac)

Marco a Stonehenge, foto di Gloria

Marco a Stonehenge, foto di Gloria

Sicuramente uno come Jimmy Page ci avrebbe voluto passare una notte, magari solo con la sua chitarra, all’alba del solstizio d’estate… per vedere se anche il fantasma di Aleister Crowley  non si aggirasse  da quelle parti. E perché no… forse, i Rolling Stones, avrebbero desiderato registrarvi il video della controversa Sympathy for the Devi. Tutto è possibile in questo luogo di indescrivibile  bellezza, che dista meno di due ore d’auto dal centro di Londra

Foto di Gloria

Foto di Gloria

Io a Stonehang: ciao!!!

Io a Stonehang: ciao!!!

Non tutti sanno, che per ben 12 anni, in un’area adiacente al complesso, si svolse realmente un festival musicale ( lo Stonehenge Free Festival ) che durava circa una settimana e si concludeva il 21 giugno, inizio dell’estate.

Stonehenge Festival, 1984 Solstice

Stonehenge Festival, 1984 Solstice

Accadde dal 1972 al 1984 e ai concerti parteciparono numerose band quali: HawkwindGongDoctor and the MedicsFlux of Pink IndiansBuster Blood VesselOmega TribeCrassSelector… ma mai una rock band della potenza e fama di Led Zeppelin o Pink Floyd.

Parlando dell’influenza della musica in questo luogo, è uscita una nuova tesi ad opera dei ricercatori del Royal College of Art di Londra ( studio pubblicato sulla rivista “Time and Mind: The Journal of Archaeology, Consciousness and Culture”)  che suppongono che i monoliti abbiano inaspettate proprietà acustiche. Se colpite emettono un fragoroso rumore, utile forse durante particolari riti. E questo spiegherebbe,  sempre secondo gli studiosi, perché queste particolari pietre siano state scelte e trascinate da Preseli Hills, nel Galles occidentale, per circa 200 miglia ben 4mila anni fa.

M.Wired Photo

M.Wired Photo

L’unica certezza è che in questo famoso sito neolitico, ogni anno, nella notte tra il 20 e il 21 giugno, si radunano ben 20.000 persone per celebrare l’avvento del solstizio d’estate. Per entrare e salutare l’alba serve prenotarsi mesi prima, poiché questo è l’unico giorno in cui si può accedere al sito storico sorpassando le distanze di sicurezza. Se sarete tra i fortunati potrete assistere a canti pagani, concerti acustici con flauti, corni, trombe, tamburi o percussioni quasi preistoriche. Il resto dell’anno è assolutamente vietato pernottare tra i monoliti e vige il silenzio più assoluto.

m.wired photo

m.wired photo

Miti e leggende si mescolano a riti pagani o druidi. Per i seguaci del culto druidico o della religione wicca infatti, si tratta di una location dal forte impatto ed elevazione  spirituale, simbolo del paganesimo.

Vendita di fragole davati a Stonehenge

Vendita di fragole davati a Stonehenge

La leggenda narra che fu Mago Merlino a costruire Stonehenge in una sola notte, portando le pietre dalla vicina Scozia. Allineate sui punti di solstizio ed equinozio le pietre formano un vero e proprio cerchio, utilizzato per altri come osservatorio astronomico.

Foto di Annovi

Foto di Annovi

Stonehenge è certo essere stato fonte di ispirazione per video musicali e copertine di rock band. Ci viene in mente l’interessante omaggio di The Association, con l’omonimo disco, che acquistammo nella loro California anni fa!

Copertina omaggio a Stonehenge

Copertina omaggio a Stonehenge

Ma la musica che preferiamo per questo viaggio è quella del vento che accompagna il suggestivo silenzio della campagna inglese, che da millenni vigila su questo luogo incantato!

____________________________

STONEHENGE

Amesbury, Wiltshire SP4 7DE

Regno Unito

Prenota la tua visita

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print