Tener-a-mente Festival: tutti i nostri consigli

Pinterest

Ho avuto modo di parlarvi diverse volte del Tener-a-mente Festival di Gardone Riviera (BS), kermesse che si svolge ogni estate nel parco del Vittoriale. Credo che sia una delle location più suggestive viste nel Nord Italia e l’organizzazione è ottima. Ne apprezzo soprattutto il cartellone e l’intimità degli spazi, che offrono la possibilità a chiunque di godersi un concerto senza lo stress del maxi evento, che si tratti di famiglie o giovanissimi. La programmazione spazia dal cantautorato italiano alle star del rock internazionale e per quanto mi riguarda è sempre difficile rinunciare ad una serata! Rispetto all’anfiteatro di Verona, quello di Gardone è di realizzazione decisamente più recente, cosa che si evince anche dall’architettura ancora integra. Spero che i miei consigli possano esservi utili! Sono frutto della nostra partecipazione all’edizione 2017, che  ha visto anche la presenza di ospiti internazionali di grande spessore artistico, quali Ryan Adams, Ben Harper, Mark Lanegan e Pretenders.

DOVE E QUANDO?

L'Anfiteatro. Foto di Marco

L’Anfiteatro. Foto di Marco

Il Festival si svolge ogni anno tra giugno e agosto sulle rive del Lago di Garda, nella suggestiva cornice dell’anfiteatro e del laghetto delle danze (per gli spettacoli di Oltre) della casa-museo del Vittoriale, ultima residenza del poeta Gabriele D’Annunzio. L’anfiteatro, che ospita il maggior numero di spettacoli, doveva essere utilizzato in passato per le rappresentazioni delle opere del padrone di casa, che purtroppo morì (1938) prima di vederlo terminato nel 1953.  Oggi è la sede di concerti di jazz, rock e musica d’autore e tra gli ospiti che hanno preso parte a Tener-a-mente vorrei segnalarvi Keith Jarret, James Taylor, Damon Albarn, The National, David Byrne e Paul Weller.

Karen Elson, apertura a Ryan Adams, foto di Marco

Karen Elson, apertura a Ryan Adams, foto di Marco

Trovare il Vittoriale è semplice, anche per chi non è mai passato da Gardone e se arrivate in auto potete sostare nel parcheggio custodito (spesa 8 euro), aperto sino a tarda notte. I biglietti degli spettacoli si possono ritirare direttamente alla cassa del Vittoriale (previo acquisto sul sito dell’evento), che apre sempre alle 20, un’ora prima dei concerti. Se non avete il posto numerato è bene mettersi in fila e attendere l’apertura dei cancelli, così da assicurarsi il posto migliore, anche se, vista la dimensione del posto riuscirete a godervi il live da qualsiasi postazione. Una curiosità legata al Vittoriale? Nel 2015 Mario Biondi gira qui il video di “Love is a temple”, primo singolo dell’album “Beyond”, disco d’oro in poche settimane.

POSTI E ANFITEATRO

Il Cavallo di , foto di Marco

Il Cavallo di Mimmo Palladino, foto di Marco

Sono rimasta molto colpita dall’anfiteatro voluto da Gabriele D’annunzio. Grazie ad una visita guidata al Vittoriale ho scoperto che si sarebbe dovuto chiamare “Parlaggio“ e che fu il Vate stesso a scegliere il posto in cui costruirlo, pensando alla magnificenza del teatro di Pompei.. Un punto panoramico che permettesse a lui-come ai suoi ospiti- di godere di una vista mozzafiato! Dalle gradinate non numerate si vedono infatti l’Isola del Garda, il Monte Baldo e persino la penisola di Sirmione. Questo rende l’anfiteatro del Vittoriale uno dei luoghi più esclusivi in cui godersi un concerto. Se siete freddolosi portatevi un golfino, perchè la sera, la brezza fresca del lago arriva sino a qui. In loco è poi possibile noleggiare i cuscini per le gradinate, mentre chi siede in platea potrà godere anche di un’intrattenimento itinerante, grazie alla collaborazione con giovani compagnie teatrali. Tutto intorno statue e un rigoglioso verde. Tra le opere più famose segnalo il”Cavallo” blu  di Mimmo Paladino, posto nell’anfiteato nel 2010,  in omaggio alla figura di D’Annunzio (che amava questo colore).

TENER-A-MENTE (OLTRE)

Il laghetto visto dalla Nave Puglia, foto di Marco

Il laghetto visto dalla Nave Puglia, foto di Marco

Come vi dicevo esiste anche una seconda location per gli spettacoli, si tratta del Laghetto delle Danze: un piccolo specchio d’acqua creato artificialmente da d’Annunzio e Maroni a forma di violino, in omaggio a Gasparo da Salò. Si trova nei bellissimi giardini della Prioria, nascosto da un verde rigoglioso. Aperto al pubblico nel 2013 è a pochi passi dalla Nave Puglia, forse il più eccentrico cimelio del Vittoriale. Qui i posti disponibili agli spettacoli sono ancora meno dell’anfiteatro e la musica proposta va dal jazz a quella sperimentale.

INFORMAZIONI PER TURISTI E PUBBLICO

Io sul Lago al mattino, foto di Marco

Io sul Lago al mattino, foto di Marco

Una delle domande che mi sono posta prima di partire è stata questa: come posso organizzare cena e pernottamento? Nulla di più facile visto che Gardone Riviera non è certo enorme e vive soprattuto di turismo estivo. I ristoranti e i bar-molti davanti al Vittoriale- offrono la possibilità a noi turisti di cenare anche alla mezzanotte, una volta usciti dal concerto. Se arrivate in città al mattino vi consiglio un pranzo al Ristorante Il Veliero (Lungolago D’Annunzio, 12), ottima cucina e terrazza vista Lago. Spesso qui si incontrano anche i musicisti! La mattina andate a fare yoga o jogging sulle rive del lago, dove risiedoo anche molti hotel esclusivi. Se avete l’opportunità di prendervi un week-end, vi segnalo che i primi di giugno, in occasione della manifestazione della “Fondazione Il Vittoriale degli Italiani” possono svolgersi dei concerti a ingresso gratuito  in diversi spazi del parco monumentale.Non preoccupatevi se non trovate una camera libera a Gardone, le frazioni circostanti sono a pochi minuti d’auto dal Vittoriale! Noi abbiamo pernottato a Gardone la sera del live, perchè uscire dal centro è sempre un pò caotico e odiamo guidare di notte! Se avete dei bambini vi informo che Gardaland non è lontano da qui, così come le terme della Val Pollicella e di Sirmione. Ultimo consigli… attenti a non portarvi cose inutili nella borsa/zaino, perchè la sicurezza non è molto tollerante. Sono ammesse macchine fotografiche ma non l’uso del flash duranti gli show!

COME ARRIVARE AL VITTORIALE

Vittoriale. Foto di Parmiggiani

Vittoriale. Foto di Parmiggiani

In auto (la più consigliata): Autostrada Milano-Venezia uscita Desenzano del Garda o Brescia Est, direzione Salò – Gardone Riviera.

In treno: La stazione ferroviaria più vicina è quella di Desenzano o Brescia poi ci sono linee autobus che arrivano sino a Gardone.

In Battello: Se vi fermate per un giorno in città vi consiglio di visitare le Grotte di Catullo a bordo del battello, mezzo col quale si può raggiungere anche Gardone da Sirmione o Desenzano. Ma non credo sia certo il mezzo più ideale per arrivare alla location di un concerto! :) Lo userei piuttosto per un giro turistico il giorno successivo

———————————

Indirizzo

Via Vittoriale, 12 25083 – Gardone Riviera (BS) Tel.: 0365 296511
vittoriale@vittoriale.it
www.vittoriale.it

VISITE ALLA CASA MUSEO

Marco davanti alla Nave Puglia

Marco davanti alla Nave Puglia

Consigliatissima una visita alla casa museo di Gabriele D’Annunzio. L’ultima visita guidata è alle 18.30 e potrebbe essere l’ocasione per sentire il soundcheck del vostro artista preferito (l’anfiteatro è vicinissimo alla casa). Il tour guidato nella Priora dura circa 30 minuti e d’estate fa molto caldo negli ambienti interni, perchè non c’è aria condizionata per ovvie ragioni. I gruppi sono tutti da 10 persone massimo, mentre la visita al parco è libera, così come quella al museo (forse meno interessante). Esistono 3 tipi di percorsi per i turisti e io consiglio l’A, che permette di capire la personalità del poeta, amante dell’arte e della musica. In casa ci sono diversi strumenti e una delle sue amanti era proprio una pianista, tale Luisa Baccara.

PERCORSI
INTERI
RIDOTTI
A    – Vittoriale + visita guidata alla Casa + Museo d’Annunzio Eroe 16 Euro 13 Euro
B    – Vittoriale + Museo d’Annunzio Eroe 13 Euro 9 Euro
C    – Vittoriale 8 Euro 6 Euro

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print