La TOP5 di Mike Savino aka Tall Tall Trees

Pinterest

5 domande, proposte ad artisti o addetti ai lavori. 5 suggerimenti che ci portano a scoprire le location preferite da giornalisti o artisti del panorama internazionale. UNA TOP FIVE per passare il tempo a suon di musica

———————————————————————————————————————-

Lo abbiamo conosciuto grazie al suo tour italiano (2016) curato da Rocketta Booking e ce ne siao subito innamorati. Vederlo suonare il banjo dal vivo è davvero uno spasso! Stiamo parlando di Tall Tall Trees, al secolo Mike Savino, artista americano che si approccia al suo strumento in modo davvero inusuale, con l’aiuto di loop station ed effetti. 

L’artista newyorkese, fedele collaboratore di Kishi Bashi (Jupiter One e Of Montreal tra le sue formazioni), con cui ha girato il mondo e partecipato a prestigiosi eventi come il Late Night di David Letterman, ci porta a viaggiare tra Italia, Giappone e America. Lo immaginiamo come un viaggiatore anticonvenzionale (come il suo modo di approcciarsi alla musica folk), che ama sperimentare cibo e approfondire usanze e tradizioni. Ecco la sua TOP5 di Tall Tall Trees buon viaggio!

Il miglior Festival a livello internazionale e il miglior live club?

E’ una domanda difficile. Ogni volta che ho viaggiato ho avuto la fortuna di esibirmi in posti fantastici.
Ad esempio mi sono davvero divertito a suonare al Newport Folk Festival che si tiene ogni anno in Rhode Island (USA), così come al Blue Balls Festival a Lucerna (Svizzera): che esperienza incredibile. Mi piace suonare sotto alla pioggia

—————————————–

Il Newport Folk Festival si tiene ogni anno a fine luglio ed è passato alla storia per la prima esibizione elettrica di Bob Dylan

Anche il Blue Balls Festival si tiene a Luglio, sulle spiagge del Lago di Lucerna e offre una varietà di stili musicali diversi 

www.troubadour.com

www.troubadour.com

Anche i club da menzionare sarebbero tanti. Ho suonato al Troubadour a Los Angeles e al
The Great American Music Hall di San Francisco dove suonarono anche i Grateful Dead, una band di riferimento per la mia musica

——————————————–

Il Troubadour è un locale notturno situato a West Hollywood, Los Angeles, che ha aperto nel 1957
Indirizzo: 9081 Santa Monica Boulevard
859 O’Farrell St, San Francisco, CA
Ingresso dalle 12 alle 35 sterline
Si tratta di un ex bordello (dotato di una pista da ballo) che oggi ospita ottimi concerti di rock, blues, jazz

Un negozio di dischi imperdibile

Marco davanti a Veluria Records

Marco davanti a Veluria Records

Così come per i festival è difficile scegliere. Ce ne sono troppi, ma i miei preferiti sono sicuramente i piccoli negozi indipendenti, che si trovano nelle cittadine americane, dove si possono trovare tesori nascosti spendendo poco. Ci sono però anche grandi store come Rough Trade a NYC o Amoeba a Los Angeles che meritano una visita

Music & Food: dove ci porti a cena?

Foto di Gloria Annovi

Foto di Gloria Annovi

Se me lo chiedessi mentre sono in vacanza in Italia sarebbe davvero difficile rispondere, perchè avete il miglior cibo al mondo… Mi piace viaggiare e assaggiare i cibi locali, quasi quanto suonare. Sono appena tornato dal Giappone, una terra che offre molto anche dal punto di vista gastronomico. Mi piace testare ogni cosa e in Giappone ci sono davvero cose oltraggiose da mangiare

Musical tour: luoghi e tappe consigliate?

Credit foto www.thrillist.com

Credit foto www.thrillist.com

Un posto che mi viene subito in mente è New Orleans. Una città unica, che non ha eguali negli stati Uniti. E’ ricca di cultura e le strade traboccano di musica. La sua economica ruota intorno alla musica e le persone sono aperte, ma non è un posto in cui andare se ci si vuole rilassare… C’è musica tutte le sere e si beve molto!

La colonna sonora ideale per tuo viaggio?

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print