Un selfie sullo sfondo di Figure8

Pinterest

Come ho già avuto modo di raccontarvi Silver Lake e’ una delle zone che amo più di Los Angeles. Si tratta di un vivace quartiere che si trova ai piedi delle Hollywood Hills (le colline di Hollywood) e che in parte si affaccia sulla famosissima strada di Sunset Blvd, legata alla storia del cinema e della musica rock

Sunset Blv, foto di Marco Parmiggiani

Sunset Blv, foto di Marco Parmiggiani

Alla storia di quest’area californiana si lega anche quella dell’artwork di un famosissimo disco di Elliott Smith dal titolo Figure8, un vero e proprio capolavoro, registrato tre Los Angeles (Sunset Studio, Sonora Studio e Capitol Records) e Londra (Abbey Road) nel 2000, tre anni prima del suicidio di Smith.

La foto di copertina, opera di  Autumn De Wilde, venne infatti scattata davanti all’insegna di un negozio di elettrodomestici, Solutions, che ancora oggi ripara amplificatori, giradischi e strumenti al civico 4334 di Sunset Blvd (SIlver Lake).

Foto di Gloria Annovi

Foto di Gloria Annovia

Dal 2000 l’area è cambiata tantissimo e il negozio ha ceduto parte dei suoi locali, ma qualcosa è rimasto invariato: l’affetto dei giovani nei confronti del musicista, che con tutta probabilità era cliente di Solutions. La sua casa di Echo Park, quartiere multietnico in cui ha abitato per qualche anno, si trovava infatti a pochi minuti d’auto da qui. Non so se è un caso, ma Smith appare in copertina con addosso una t-shirt che omaggia Los Angeles: è come se avesse voluto lanciare un messaggio criptato ai suoi fan. Di quelli beatlesiani, per intenderci 😉 Oppure, più semplicemente, è un omaggio alla città che lo ha ispirato nella realizzazione di questo album, che contiene anche una traccia dal titolo L.A (slang di Los Angeles).

La copertina originale

La copertina originale

Lo scatto iconico ha reso questo muro meta di pellegrinaggio da parte degli amanti del rock e una sorta di patrimonio della comunità per gli abitanti di Silver Lake. C’è un gruppo di volontari, fan di Elliott, che con cadenza periodica si impega a rinfrescare il colore del murales, mantenendo così vivo il ricordo del musicista prematuramente scomparso. Ovviamente in pochi si negano una foto davanti all’opera ribattezzata dai losangelini “Figue8 Wall”, me compresa :)

Io in posa...

Io in posa…

Alcune scritte oggi, foto di Gloria

Alcune scritte dei fan, foto di Gloria

Sulla copertina del disco appare però solo una parte del murales, concepito come una maxi spirale ad S (come l’iniziale di Solutions), dipinta a strisce rosse e blu su sfondo bianco, davvero inconfondibile.

Il murales, foto di Gloria

Il murales, foto di Gloria

Marco in posa davanti al murales

Marco in posa davanti al muralesa

In occasione di una mostra dedicata ad Elliott la parete venne ridipinta con colori pastello, per poi tornare come nuova nel 2016. Lo stesso anno i proprietari di Solution hanno ceduto parte del negozio ad un imprenditore di nome McElroy, che l’ha riconvertito in piccolo caffè dove servono bevande calde e snack dalle 7 alle 19, dal lunedì alla domenica.

Il murales color pastello

Il murales color pastello”

La caffetteria si chiama ‘Dinosaur‘ (4334 Sunset Blv) e l’ho testata pochi mesi dopo l’apertura. Servono un rinfrescante ‘ice-cold tea‘ (te freddo), ceffè americano, cappuccini, spremute, biscotti e panini vegani. La clientela è molto hipster, una costante in questo quartiere, mentre i gestori sono tutti ragazzi giovani ma non troppo simpatici.

Dinosaur Coffee

Dinosaur Coffee

La seconda ala di Solutions, quella che ospitava magazzino e murales, è stata venduta nel 2017 per far posto a Bar Angeles, un cocktail bar/pizzeria all’ultima moda, già considerato uno dei posti più cool del quartiere. I nuovi gestori, per poter inserire una finestra nel locale hanno dovuto tagliare parte del murales, che però è stato recuperato e inserito al suo interno, come parte dell’arredo.

Solutions oggi,foto di Gloria

Solutions oggi,foto di Gloria

L'interno di Bar Angeles

L’interno di Bar Angeles

Personalmente trovo che questa sia stata un’idea geniale e anche se non potrò mai portare a riparare un amplificatore da Solutions, come forse era abitudine di Elliott, potrò comunque bermi un Martini nella metropoli in cui Smith scrisse i testi del suo quinto e ultimo album. Riascoltate la splendida L.A (traccia numero 6) prima di partire per la città degli angeli e non dimenticate di scattarvi un selfie davanti al Figure8 Wall.

 

———————————————————-

Elliott Smith Memorial ‘Figure8’ Wall
4334 W Sunset Blvd
Los Angeles, California
90029-2112 USA

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print