Buon cibo e ottimo Jazz a New York

Pinterest

A pochi passi da Central Park, nell’ elegante quartiere dell’Upper East Side (New York), si trova l’esclusivo Cafè del The Carlyle Hotel, che ogni sera offre ai suoi clienti musica live e cabaret. Artista di casa è l’attore Woody Allen, che spesso si esibisce al clarinetto con la Eddy Davis New Orleans Jazz Band.

Sono tanti i club in cui poter ascoltare jazz a New York, che insieme a New Orleans è la patria di questo genere musicale. Peccato che abbia chiuso ad Harlem  il Lennox Lounge (era la  288 Lennox Ave), culla del jazz dal 1939. Per i puristi del Jazz rimane lo Small Club mentre tanti turisti preferiscono  il celebre Blue Note, senza dimenticare il Birdland, che un tempo sorgeva a Brodway. Durante il Winter Jazz Festival, che si svolge ogni anno a gennaio, i dieci locali più importanti della città ospitano jam e live set. In alcuni di questi club è anche possibile fare un brunch o cenare prima delle session.

Ecco la lista dei nostri preferiti!

 

 

BLUE NOTE

Sarebbe un affronto al jazz newyorkese non includere il  Blue Note nella lista dei migliori live club, visto che si tratta di una vera istituzione. Si trova nel quartiere del Greenwich Village, fulcro dell’arte e della musica della città. E’ bene sapere che durante gli show è vietato chiacchierare, vige il silenzio più assoluto…  Alle pareti i dischi degli artisti che sono passati di qui, come McCoy Tyner. Il prezzo varia a seconda della serata e degli artisti, ma non si spendono meno di £ 20 per entrare e sedersi al bar, al tavolo il prezzo sale sui $ 40. Apre alle 18 e ci sono diversi orari per le session, ma mai prima delle 8 di sera. La domenica servono il brunch dalle 12 alle 6 di pomeriggio, ma la cucina è comunque sempre aperta durate la settimana. Ultima chicca, a giugno è in calendario il ‘Blue note Jazz Festival’, evento che porta molti turisti, che già spopolano nel locale tutto l’anno

————————–

BLUE NOTE

131 West, 3Rd street

Tel 212 475 8592

www.bluenote.net

 

Marco davanti al Village Vanguard

Marco davanti al Village Vanguard

Un piccolo tempio della musica Jazz aperto negli anni ’30 nel cuore del Greenwich Village, dove i più fortunati hanno avuto l’onore di assistere alle session di John Coltrane, Bill Frisel o Marc Ribot. Numerose le registrazioni di album jazz che sono state fatte all’interno del locale, una tra tutte quella di Bill Evans. Luci soffuse e consumazione obbligatoria, ci si siede dove capita, perchè non è possibile prenotare i tavoli. Ma in fondo, che importa?  Spesa media per un live $ 30 (di cui $ 25 d’entrata e consumazione minima obbligatoria $ 5). I set iniziano alle 8 di sera, si possono prendere i biglietti ma non c’è possibilità di scegliere un tavolo: “chi prima arriva, meglio alloggia”

E’ l’unico posto che citiamo in questo articolo in cui non si può mangiare, ma è imperdibile una serata qui dentro!

————————————

VILLAGE VANGUARD

178 th Ave (NY)

212 255 4037

www.villagevanguard.com

 

SMOKE JAZZ CLUB

Anche se non è così famoso come i già citati Village Vanguard o Blue Note, lo Smoke è uno dei miei angoli preferiti di New York. Situato nell’Upper west Side, poco distante da Columbia University, propone un’ottima selezione di musica live, da ‘assaporare’ insieme ad un fresco Long Island a lume di candela. E’ possibile cenare mentre si ascoltano le jam o fare il brunch la domenica mattina. Memorabile il live set di George Coleman o dei Medeski Martin & Wood, ospiti graditi del locale. Il colore che predomina la piccola, curata ed elegante sala dello Smoke è il rosso, a rendere l’atmosfera ancora più calda e accogliente. Meno frequentato dai turisti rispetto al Blue Note è un ottimo locale in cui rinchiudersi d’inverno, quando fuori fa freddo.

——————————————-

SMOKE JAZZ & SUPPER CLUB

2751 Broadway, NY

212 864 6662

www.smokejazz.com

BIRDLAND

L'intero del Birdland

L’intero del Birdland

La scelta del nome è un omaggio al grande musicista Charlie Parker, soprannominato ‘Bird’, che al Birdland suonò come headliner praticamente ogni sera nel 1949, anno in cui inaugurò il jazz club. Ma leggende che hanno calcato questo palco sono tante altre: Dizzy Gillespie, Thelonious Monk, Miles Davis, John Coltrane, Bud Powell, Stan Getz… L’arredamento del Birdland è molto chic e non poteva essere altrimenti, visto che era uno dei locali preferiti di Marilyn Monroe, Frank Sinatra, Marlene Dietrich e Ava Gardner. La cucina, dal vasto menù, offre piatti tipicamente americani e derivanti dalla tradizione cajun.  La qualità dei live è di alto livello, non rimarrete delusi. Annualmente ospita anche le date dell’Umbria Jazz Festival e del Django Reinhardt NY Festival.

———————————

BIRDLAND

315 West 44th St. (NY)

Tel 212 581 3080

Visita il sito del Birdland

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Gloria Annovi

Author: Gloria Annovi

Giornalista pubblicista. Adora cucinare ascoltando John Coltrane, colleziona cappelli e ha un debole per la decade ’60-’70, a cui si ispira nell’abbigliamento. Già speaker radiofonica, si dedica alla musica e alla scrittura da diversi anni. La sua valigia? Grande e 'tappezzata' da adesivi rock

Share This Post On
468 ad

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email
Print